web site hit counter La vida de los hombres infames - Ebooks PDF Online
Hot Best Seller

La vida de los hombres infames

Availability: Ready to download

Desde hace siglos el Estado ha sido una de las formas de gobierno humano, de las más extraordinarias y también de las más temibles. El hecho de que la crítica política haya reprochado al estado que sea simultáneamente un factor de individualización y un principio totalitario resulta muy revelador. Basta observar la racionalidad del estado naciente y cuál fue su primer proy Desde hace siglos el Estado ha sido una de las formas de gobierno humano, de las más extraordinarias y también de las más temibles. El hecho de que la crítica política haya reprochado al estado que sea simultáneamente un factor de individualización y un principio totalitario resulta muy revelador. Basta observar la racionalidad del estado naciente y cuál fue su primer proyecto de policía para darse cuenta que. desde dos comienzos, el estado fue a la vez individualizante y totalitario. Oponer al estado por tanto el individuo y sus intereses es tan aventurado como oponerlo a la comunidad y sus exigencias. La racionalidad política se ha desarrollado e impuesto a lo largo de la historia de las sociedades occidentales. En un primer momento se ha enraizado en la idea del poder pastoral, más tarde en la de la razón de Estado. La individualización y la totalización son dos de sus efectos inevitables. La liberación no puede venir por tanto del ataque a uno u otro de estos efectos sino al ataque de las raíces mismas de la racionalidad política.


Compare

Desde hace siglos el Estado ha sido una de las formas de gobierno humano, de las más extraordinarias y también de las más temibles. El hecho de que la crítica política haya reprochado al estado que sea simultáneamente un factor de individualización y un principio totalitario resulta muy revelador. Basta observar la racionalidad del estado naciente y cuál fue su primer proy Desde hace siglos el Estado ha sido una de las formas de gobierno humano, de las más extraordinarias y también de las más temibles. El hecho de que la crítica política haya reprochado al estado que sea simultáneamente un factor de individualización y un principio totalitario resulta muy revelador. Basta observar la racionalidad del estado naciente y cuál fue su primer proyecto de policía para darse cuenta que. desde dos comienzos, el estado fue a la vez individualizante y totalitario. Oponer al estado por tanto el individuo y sus intereses es tan aventurado como oponerlo a la comunidad y sus exigencias. La racionalidad política se ha desarrollado e impuesto a lo largo de la historia de las sociedades occidentales. En un primer momento se ha enraizado en la idea del poder pastoral, más tarde en la de la razón de Estado. La individualización y la totalización son dos de sus efectos inevitables. La liberación no puede venir por tanto del ataque a uno u otro de estos efectos sino al ataque de las raíces mismas de la racionalidad política.

30 review for La vida de los hombres infames

  1. 4 out of 5

    trovateOrtensia

    "Non è dopo tutto uno dei tratti fondamentali della nostra società che il destino vi assuma la forma del rapporto con il potere, della lotta per o contro di esso?" "Non è dopo tutto uno dei tratti fondamentali della nostra società che il destino vi assuma la forma del rapporto con il potere, della lotta per o contro di esso?"

  2. 4 out of 5

    darío hereñú

    Relectura de este libro. Por así decirlo, en algunas páginas, parece recibir knock outs mentales, que lo dejan a uno, replantearse muchos de nuestros síntomas (incluso mentales). Aspero, repele desde sus escritos, el statu quo mental del lector. En este libro, nos demuestra variopinta situaciones: la locura, la medicalización de las enfermedades, el lábil límite de la racionalidad, el hospital como un mero método de... control social, los múltiples estadios y estrategias de aproximación de los t Relectura de este libro. Por así decirlo, en algunas páginas, parece recibir knock outs mentales, que lo dejan a uno, replantearse muchos de nuestros síntomas (incluso mentales). Aspero, repele desde sus escritos, el statu quo mental del lector. En este libro, nos demuestra variopinta situaciones: la locura, la medicalización de las enfermedades, el lábil límite de la racionalidad, el hospital como un mero método de... control social, los múltiples estadios y estrategias de aproximación de los tratamientos de las enfermedades mentales... El libro, como el autor per se, nos exige demasiado. Y creo que requiere su tiempo de análisis y mayormente de... asombro.

  3. 5 out of 5

    Moloch

    Libretto piccolo piccolo, visto per caso nella libreria di un utente Goodreads, che l'editore ha tentato in tutti i modi di "allargare" (corpo enorme, spazi bianchi, ecc.), e che a prezzo pieno costava 9 euro (!). Si tratta della prefazione di un'opera che poi Foucault non scrisse mai, La vita degli uomini infami, appunto, che voleva essere un'antologia, senza pretese di completezza, sistematicità e obiettività, di "frammenti" di biografie, lampi brevissimi, di poche righe, sulle esistenze degli Libretto piccolo piccolo, visto per caso nella libreria di un utente Goodreads, che l'editore ha tentato in tutti i modi di "allargare" (corpo enorme, spazi bianchi, ecc.), e che a prezzo pieno costava 9 euro (!). Si tratta della prefazione di un'opera che poi Foucault non scrisse mai, La vita degli uomini infami, appunto, che voleva essere un'antologia, senza pretese di completezza, sistematicità e obiettività, di "frammenti" di biografie, lampi brevissimi, di poche righe, sulle esistenze degli oscuri personaggi che, per tanti motivi, nelle loro sfortunate esistenze erano finiti sotto l'occhio severo della Giustizia e del Potere del sovrano, individui giudicati criminali ed esecrabili come tantissimi altri ma che, a differenza di questi, avevano lasciato una labilissima traccia del loro passaggio, in cui lo studioso si era imbattuto casualmente nel corso dei suoi studi e che lo aveva colpito al punto da volerla diffondere. La selezione di queste rapporti di polizia, denunce, annotazioni in registri di ospedali o manicomi è quindi, avvisa Foucault, totalmente arbitraria, basata sul suo gusto e sull'intensità dell'emozione che queste parole, a volte secche, a volte comicamente altisonanti e sproporzionate all'entità del "crimine", a volte tragicamente rabbiose, gli avevano suscitato. Racconta che la prima idea di questo progetto gli venne quando, un giorno, consultava un registro di internamento dell'inizio del XVIII secolo, e si imbatté in queste due annotazioni: Mathurin Milan, messo nell'ospedale di Charenton il 31 agosto 1707: «La sua pazzia è sempre stata quella di nascondersi alla famiglia, di condurre in campagna una vita oscura, di subire dei processi, di concedere dei prestiti a usura e a fondo perduto, di portare a spasso il suo povero spirito per strade sconosciute, e di credersi capace delle imprese più grandi». Jean Antoine Touzard, rinchiuso nel castello di Bicêtre il 21 aprile 1701: «Francescano apostata, sedizioso, capace dei peggiori crimini, sodomita, ateo, se lo si può essere; è un vero mostro d'abominio che sarebbe più conveniente soffocare che lasciar libero» (pp. 9-10). Continua l'autore: "Sarei in imbarazzo a dire quel che ho provato esattamente a leggere questi frammenti e molti altri analoghi. [...] Confesso che questi «racconti» che riemergevano all'improvviso, dopo aver attraversato due secoli e mezzo di silenzio, hanno scosso in me più fibre di quante ne solleciti quella che normalmente chiamiamo letteratura, senza che io possa ancor oggi dire se mi ha commosso maggiormente la bellezza dello stile classico, [...] o invece gli eccessi, la mescolanza di oscura ostinazione e di scelleratezza di queste vite, di cui si percepisce, sotto parole lisce come pietra, la disfatta e l'accanimento. Molto tempo fa ho utilizzato documenti simili per un libro. [...] Il sogno sarebbe stato quello di restituirne l'intensità attraverso l'analisi. In mancanza del talento letterario, ho a lungo rimuginato soltanto sull'analisi: ho preso i testi nella loro asciuttezza; ho ricercato la loro ragion d'essere [...]; ho cercato di capire perché fosse stato così importante in una società come la nostra che fossero «soffocati» (come si soffoca un grido, un incendio o un animale) un monaco scandaloso o un usuraio strambo e sconclusionato: ho cercato la ragione per cui si era voluto impedire con tanto zelo a quei poveri esseri di vagare per strade sconosciute. Ma le emozioni intense di quei primi momenti che mi avevano motivato rimanevano al di fuori. E dato che [...] il mio discorso era incapace di restituirle come sarebbe stato necessario, non era forse meglio lasciare i testi nella stessa forma che me le aveva suscitate?" (pp. 10-12). Come detto, però, quest'antologia non vide mai la luce, e Foucault utilizzò parte di questo materiale per altri suoi studi. C'è di che dolersene, perché le riflessioni che seguono, su queste vite che assumono i contorni della "leggenda" per il loro essere per sempre bloccate in un attimo "esemplare", o sul fatto che sia stato solo l'intervento del potere a gettare un fascio di luce su quella particolare vicenda che altrimenti si sarebbe persa, come milioni di altre simili, nelle nebbie del tempo, sono molto interessanti, come d'altronde emerge, e si vede anche dal brano citato prima, il grande valore "sentimentale" che ha avuto per l'autore questa paziente ricerca e cernita. Forse solo chi ha vissuto l'esperienza della ricerca d'archivio riesce a capire appieno le emozioni che stanno dietro certe frasi, certe scoperte casuali, certi sprazzi di inaspettato in mezzo alle parole dei formulari o della burocrazia, quando ti accosti a scritture vecchie di secoli e ti senti di colpo vicino, proprio fisicamente, ai nomi che incontri e vedi agire, ma anche a chi tanto tempo prima di te ha toccato quella carta, ha scritto quelle parole, ha sfogliato quelle pagine, vi ha apposto un segno qui, un'annotazione là... Il modo più efficace che mi viene in mente per descriverle in poche parole è il vecchio motto terenziano "Homo sum, humani a me nihil alienum puto". Mi ha suscitato qualche perplessità l'accostamento che l'autore fa tra denunce, suppliche, rapporti di polizia ecc. e la pratica della confessione (che cioè quelle siano la prosecuzione, spostata sul piano del potere politico, di questa): è vero che in entrambe vi è un'elencazione di "colpe" e misfatti dell'individuo, ma io vi vedo più differenze che somiglianze. Nella confessione è lo stesso "penitente" che, in prima persona, fa un'auto-analisi e si auto-denuncia, nelle lettres de cachet, nelle denunce, ecc. sono gli altri a darne un ritratto fosco, non si sa poi quanto veritiero, di degenerato, criminale, "infame"; la confessione si mantiene nell'intimità, a volte soffocante e costrittiva ma pur sempre "privata", del rapporto penitente-confessore, mentre la denuncia mira ovviamente alla pubblicità, ad avere effetti visibili ed eclatanti quali l'incarcerazione o l'internamento; infine, la confessione assolve dalle colpe e le cancella, la denuncia (e la conseguente azione sovrana di risposta) le punisce. L'unico difetto di quest'operetta è che... è, appunto, incompiuta, una prefazione a un testo che poi non è mai stato scritto: Foucault ci fa venire l'acquolina in bocca per queste mille voci che ha avuto il privilegio di scoprire, ascoltare e recuperare, non vedi l'ora di tuffarti anche tu in mezzo a questa folla di pericolosi o sfortunati soggetti, a questi squarci, dolorosi, rabbiosi, patetici, di vite ingloriose, che però non arrivano mai (viene riportato solo il testo di 4-5 di questi frammenti), come se questi spettri del passato fossero stati per un attimo così vicini e poi si perdessero di nuovo per sempre... 4/5 http://moloch981.wordpress.com/2012/0...

  4. 4 out of 5

    Ciro Cicogna

    risente molto della forma ridotta, che per quanto venga allargato dall'editore in ogni modo di certo non porta a maggiori elementi di richiamo ("bibliografici") e il testo, per quanto stimolante, rimane piuttosto inutile pensando al resto dei testi di Foucault su questi temi (sorvegliare e punire può essere indubbiamente più consigliabile se non lo si è letto). Però è anche vero che l'obiettivo, nella forma, è completamente diverso rispetto al resto, siamo di fronte ad un Foucault più colloquial risente molto della forma ridotta, che per quanto venga allargato dall'editore in ogni modo di certo non porta a maggiori elementi di richiamo ("bibliografici") e il testo, per quanto stimolante, rimane piuttosto inutile pensando al resto dei testi di Foucault su questi temi (sorvegliare e punire può essere indubbiamente più consigliabile se non lo si è letto). Però è anche vero che l'obiettivo, nella forma, è completamente diverso rispetto al resto, siamo di fronte ad un Foucault più colloquiale e più nel "mentre" di una ricerca che piuttosto alla fine (dopotutto non è concluso)

  5. 4 out of 5

    Marco Matteoli

    <> ⠀⠀ “Infame” è l’uomo dalla fama compromessa, il maledetto che ha perso la cittadinanza tra i suoi per essersi macchiato di una colpa indelebile. Ma chi decide la colpa? Chi decide chi sorvegliare e come punire? Come viene costruito il mostro?. ⠀⠀ Foucault in questo libro conferisce un taglio critico a quel processo di inquisizione, confessione e condanna, e cerca di analizzare il concetto di legalità, di giustizia e di potere. ⠀⠀ #lamedicinadellapoverta #libridaleggere #libri #librodelmese #librid <> ⠀⠀ “Infame” è l’uomo dalla fama compromessa, il maledetto che ha perso la cittadinanza tra i suoi per essersi macchiato di una colpa indelebile. Ma chi decide la colpa? Chi decide chi sorvegliare e come punire? Come viene costruito il mostro?. ⠀⠀ Foucault in questo libro conferisce un taglio critico a quel processo di inquisizione, confessione e condanna, e cerca di analizzare il concetto di legalità, di giustizia e di potere. ⠀⠀ #lamedicinadellapoverta #libridaleggere #libri #librodelmese #libridaregalare #libriconsigliati #libridaquarantena #michelfoucault #lavitadegliuominiinfami

  6. 4 out of 5

    Jorge Villarruel

    Uno de los textos menos conocidos de Foucault, y sin duda uno de sus textos prescindibles (lo cual no significa que sea de mala calidad ni nada parecido), pero muy útil cuando se hacen ciencias sociales enfocadas a la institución médica, sobre lo que no abunda la bibliografía.

  7. 5 out of 5

    Lodovico

    Un bel capovolgimento del modo a cui guardare alla storia! Qui sono gli infami, i senza fama cioè, a essere, loro malgrado, protagonisti.

  8. 5 out of 5

    Ixxa

    Lo estoy leyendo en PDF para mi taller "Pensar en lo marginal" con Joaquín Hurtado. Ayuda bastante a entender el shift en el escalafón de la penalización de crímenes. Lo estoy leyendo en PDF para mi taller "Pensar en lo marginal" con Joaquín Hurtado. Ayuda bastante a entender el shift en el escalafón de la penalización de crímenes.

  9. 5 out of 5

    Alessio Avino

  10. 5 out of 5

    Alvaro Milian

  11. 5 out of 5

    Fabian

  12. 5 out of 5

    Stefano

  13. 4 out of 5

    lou.

  14. 5 out of 5

    Fede Boccacci

  15. 4 out of 5

    Armando Treviño

  16. 4 out of 5

    Susi Sni

  17. 4 out of 5

    Al H Ed

  18. 4 out of 5

    MLDMT

  19. 4 out of 5

    Marlobo ♥ epilogues

  20. 5 out of 5

    Una porta tra le pagine

  21. 4 out of 5

    Fabiola

  22. 5 out of 5

    Ignacio

  23. 4 out of 5

    David Ruiz

  24. 5 out of 5

    Tom Lamberty

  25. 4 out of 5

    Rike

  26. 5 out of 5

    Armando Bravo salcido

  27. 4 out of 5

    Kardamom

  28. 5 out of 5

    Laureano Paez

  29. 5 out of 5

    Paolo D'alonzo

  30. 5 out of 5

    Riccardo

Add a review

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading...
We use cookies to give you the best online experience. By using our website you agree to our use of cookies in accordance with our cookie policy.