web site hit counter Aux fruits de la passion - Ebooks PDF Online
Hot Best Seller

Aux fruits de la passion

Availability: Ready to download

Sensation dans la tribu Malaussène : Thérèse est amoureuse ! Thérèse la cassante ! Et de qui ? D'un conseiller référendaire à la Cour des comptes, un dénommé Marie-Colbert de Roberval, alias MC2. Dans le genre mésalliance, on ne peut pas faire mieux mais que peut-on contre l'amour, même dans une tribu où l'on a déjà connu beaucoup d'amours spectaculaires et malheureuses ? Sensation dans la tribu Malaussène : Thérèse est amoureuse ! Thérèse la cassante ! Et de qui ? D'un conseiller référendaire à la Cour des comptes, un dénommé Marie-Colbert de Roberval, alias MC2. Dans le genre mésalliance, on ne peut pas faire mieux mais que peut-on contre l'amour, même dans une tribu où l'on a déjà connu beaucoup d'amours spectaculaires et malheureuses ? Chacun y va de son avis pourtant. Benjamin, le chef du clan Malaussène a un sombre pressentiment qui ne tardera pas à se vérifier. MC2, énarque distingué, prédisposé à veiller aux destinées de la nation est surtout intéressé par le talent de bouc émissaire de Benjamin et les dons de voyance de Thérèse, dons que malheureusement le mariage doit lui faire perdre. Le mariage aura bien lieu mais sera à peine consommé. S'ensuit une série de catastrophes, d'incendies, de morts violentes que Daniel Pennac enchaîne avec la verve et l'humour qui le caractérisent, ajoutant un épisode irrésistible à la saga de sa pittoresque tribu de Belleville.


Compare

Sensation dans la tribu Malaussène : Thérèse est amoureuse ! Thérèse la cassante ! Et de qui ? D'un conseiller référendaire à la Cour des comptes, un dénommé Marie-Colbert de Roberval, alias MC2. Dans le genre mésalliance, on ne peut pas faire mieux mais que peut-on contre l'amour, même dans une tribu où l'on a déjà connu beaucoup d'amours spectaculaires et malheureuses ? Sensation dans la tribu Malaussène : Thérèse est amoureuse ! Thérèse la cassante ! Et de qui ? D'un conseiller référendaire à la Cour des comptes, un dénommé Marie-Colbert de Roberval, alias MC2. Dans le genre mésalliance, on ne peut pas faire mieux mais que peut-on contre l'amour, même dans une tribu où l'on a déjà connu beaucoup d'amours spectaculaires et malheureuses ? Chacun y va de son avis pourtant. Benjamin, le chef du clan Malaussène a un sombre pressentiment qui ne tardera pas à se vérifier. MC2, énarque distingué, prédisposé à veiller aux destinées de la nation est surtout intéressé par le talent de bouc émissaire de Benjamin et les dons de voyance de Thérèse, dons que malheureusement le mariage doit lui faire perdre. Le mariage aura bien lieu mais sera à peine consommé. S'ensuit une série de catastrophes, d'incendies, de morts violentes que Daniel Pennac enchaîne avec la verve et l'humour qui le caractérisent, ajoutant un épisode irrésistible à la saga de sa pittoresque tribu de Belleville.

30 review for Aux fruits de la passion

  1. 5 out of 5

    Teresa

    Como estou confinada, em vez de ir aos alfarrabistas vou às velharias da Wook e carrego o carteiro com caixas de livros. Este veio porque era baratinho e o título faz referência a uma personagem com um nome bonito 🤩. Depois de desinfectado (sim, sou uma covideira dum raio) abri-o e porque se lia num tirinho não o guardei nos montes. Pois diverti-me tanto que encomendei e li mais dois (os outros estão esgotados). Então, isto é só a história e as peripécias de uma família, qual deles o mais chanfr Como estou confinada, em vez de ir aos alfarrabistas vou às velharias da Wook e carrego o carteiro com caixas de livros. Este veio porque era baratinho e o título faz referência a uma personagem com um nome bonito 🤩. Depois de desinfectado (sim, sou uma covideira dum raio) abri-o e porque se lia num tirinho não o guardei nos montes. Pois diverti-me tanto que encomendei e li mais dois (os outros estão esgotados). Então, isto é só a história e as peripécias de uma família, qual deles o mais chanfrado. Este livro é o sexto do ciclo Malaussène, composto por seis romances, editados em Portugal, em 2000, pela Terramar.

  2. 5 out of 5

    Tittirossa

    Puro esercizio di stile, per far vedere che Malaussene è lui (Pennac) e può scriverne quanti e quando gli pare. Però l'affetto (il mio) rimane intatto. Puro esercizio di stile, per far vedere che Malaussene è lui (Pennac) e può scriverne quanti e quando gli pare. Però l'affetto (il mio) rimane intatto.

  3. 4 out of 5

    Christina

    My French skills in general being currently worse than rusty, I think it's safe to say half the greatness of the book passed me by. I totally understood what was happening, and when I was able to remember that Julie the wife was a different character than Julius the dog, all that ass sniffing made a lot more sense. I had big trouble with names, and it took me more chapters than I want to admit before I figured out the character Marie-Colbert was a male. Yeah I know French has the feminine and mas My French skills in general being currently worse than rusty, I think it's safe to say half the greatness of the book passed me by. I totally understood what was happening, and when I was able to remember that Julie the wife was a different character than Julius the dog, all that ass sniffing made a lot more sense. I had big trouble with names, and it took me more chapters than I want to admit before I figured out the character Marie-Colbert was a male. Yeah I know French has the feminine and masculin stuff pretty clear in the grammer itself, but the name MARIE threw me right off. Also, I'm now disturbed and unclear whether or not a certain character had willing sexual relations with her biological brother. But he was also "thought of as an uncle" or "aunt" on account of his homosexuality. All in all, i'm still not sure. The sex happened yes, but who he is in the family circle has left be baffled on account of the sex. This is a detective story of shorts, and my French friend who is big into police and detective stories gave this to me read. It sure had a lot of plot twists once it all got explained. If I had understood better I might have liked it even more.

  4. 4 out of 5

    Martin Cahn

    While my French is good, I suffered from not having read the previous novels of the series. Once I got into it however it was a good read - light and absurd. Kept me amused over the holiday season when everyone around me was speaking Polish!

  5. 5 out of 5

    Francesca

    "Bisognerebbe vivere a posteriori. Decidiamo tutto troppo in fretta.", B. Malaussène Pennac è un autore che apprezzo molto e ho letto con piacere le vicissitudini della famiglia Malaussène. La storia della tribù finisce come è iniziata: in modo paradossale e assurdo. Pennac non annoia, le trame si intrecciano ma non si ripetono. Ogni personaggio è una vicenda a sè, trasversale a uno o più volumi. In questo libro, si conclude la serie dei Malaussène e il "capitolo-Thérèse". Lo stile è quello solit "Bisognerebbe vivere a posteriori. Decidiamo tutto troppo in fretta.", B. Malaussène Pennac è un autore che apprezzo molto e ho letto con piacere le vicissitudini della famiglia Malaussène. La storia della tribù finisce come è iniziata: in modo paradossale e assurdo. Pennac non annoia, le trame si intrecciano ma non si ripetono. Ogni personaggio è una vicenda a sè, trasversale a uno o più volumi. In questo libro, si conclude la serie dei Malaussène e il "capitolo-Thérèse". Lo stile è quello solito di un Benjamin che con fare confidenziale ci racconta disperato le tragi-comiche vicende che lo riguardano. La lettura è scorrevole e veloce e, tra stelle che non raccontano più storie di futuro, un corpo asettico che diventa di carne vera e "senziente", si svela il mistero dell'ennesimo morto, mentre all'orizzonte spunta un nuovo membro della famiglia, la bambina consapevole dal nome di frutta.

  6. 5 out of 5

    Lisachan

    Mi mancherai, ciclo dei Malaussène ;_; A rileggerci presto.

  7. 5 out of 5

    Roberta

    Pennac è il mio personalissimo antidepressivo. Funziona sempre.

  8. 5 out of 5

    Nguyễn Vũ

    Hoặc là Daniel Pennac viết dở, hoặc là Đa Huyên dịch tệ, nhưng mình nghiêng về ý thứ hai hơn.

  9. 5 out of 5

    Denise Biancardino

    Mi sento di dire che, per me, Pennac è un autore di romanzi fantasy. Infatti, per quanto in realtà non lo siano, è riuscito nel tempo a costruire un mondo: un mondo fatto in primo luogo di enormi paradossi, di personaggi unici e caratterizzati in modo fantastico, di colpi di scena; una quotidianità fatta per lo più di stranezze che, tuttavia, per la tribù Malaussene sono la normalità. E negli anni lo diventano anche per i suoi lettori più affezionati, in primis la sottoscritta. Diventa normale a Mi sento di dire che, per me, Pennac è un autore di romanzi fantasy. Infatti, per quanto in realtà non lo siano, è riuscito nel tempo a costruire un mondo: un mondo fatto in primo luogo di enormi paradossi, di personaggi unici e caratterizzati in modo fantastico, di colpi di scena; una quotidianità fatta per lo più di stranezze che, tuttavia, per la tribù Malaussene sono la normalità. E negli anni lo diventano anche per i suoi lettori più affezionati, in primis la sottoscritta. Diventa normale accettare il fatto che Benjamin sia capro espiatorio per mestiere, che sia il padre-non-padre di tutti i membri dell'enorme famiglia Malaussene, diventano normali le doti di Therese, quelle amorose della Madre perennemente assente, lo pseudo innamoramento di Benjamin per sua sorella Clara, il rapporto estremo con la sua adorata Julie, i suoi assurdi fratellini, i suoi amici criminali che si finisce per adorare così come il resto della truppa. In questo capitolo della saga Pennac decide di togliere Benjamin dal ruolo di capro, lo fa stupendo(mi), optando per un finale alternativo, dove poco ma sicuro non mancano i problemi per la famiglia più numerosa e variopinta della letteratura francese. Come sempre ho adorato lo stile scorrevole e divertente, e ho divorato la trama e il modo in cui la tribù ne viene resa assoluta protagonista.

  10. 4 out of 5

    Jose Vera

    Una vez más Daniel Pennac nos mete en la vida de la familia Malaussène con este quinto libro. Si entendí bien es el quinto en español, pero es el sexto de la saga. Como otras veces nos vemos sumergidos en esta vorágine de acidez y humor negro. Con un estilo único y con una prosa muy coloquial, Pennac nos lleva por esta nueva aventura de Benjamín Malaussène y familia; y por familia entendemos a los hermanos, medio hermanos, tíos, amigos, monjas, perros, policias, matones y mafiosos que viven, conv Una vez más Daniel Pennac nos mete en la vida de la familia Malaussène con este quinto libro. Si entendí bien es el quinto en español, pero es el sexto de la saga. Como otras veces nos vemos sumergidos en esta vorágine de acidez y humor negro. Con un estilo único y con una prosa muy coloquial, Pennac nos lleva por esta nueva aventura de Benjamín Malaussène y familia; y por familia entendemos a los hermanos, medio hermanos, tíos, amigos, monjas, perros, policias, matones y mafiosos que viven, convive y tratan con ellos en Belleville. En esta ocasión vemos a Benjamín más preocupado de lo normal, Thérèse se va a casar, y no con cualquier persona, se va a casar nada más que con Marie – Colbert de Roverbal, consejero refrendario de primera clase del Tribunal de Cuentas.... Théresè, la adivina rígida y cuadriculada que puede leer el futuro de las personas en cualquiera de las formas inventadas por el hombre y los dioses se ha enamorado hasta sus visibles huesos de un hombre que no sólo lleva en sus hombros la carga de tan ostentoso título. También de alguna manera el suicidio de su hermano lo marca a él y a su familia, la cual parece tener un pasado escabroso. Algo es cierto en las aventuras de Benjamín, nada es lo que parece y siempre va a cargar con la culpa de lo que sea este sucediendo, sépalo él o no. Pero en este caso nuestro Benjamín sabe exactamente lo que está pasando y lo que paso. Ya está sacando la cuenta de los años que va a pasar en prisión. Pennac se ha convertido en uno de mis autores favoritos y este libro, aunque divertido y en toda la línea de los anteriores, está por debajo de lo que esperaba. No es el mejor de ellos, pero esta muy por encima de otros que he leído. Si quieren algo divertido, sarcástico, sorprendente y con mucho humor, lean esta saga.

  11. 4 out of 5

    T4ncr3d1

    "L'amore uccide, come i giochi d'azzardo: la certezza che non potremo mai rifarci." Un epilogo che suona circolare, come un ritorno alle origini, una nuova battuta che faccia ricominciare il ciclo per l'ennesima volta, all'infinito: e tutto questo, senza mai stancare, mai. Una conclusione gradevole per una serie che ormai ha ben poco da dire ma può riposare sugli allori e permettersi di ripetere sempre le stesse situazioni. Questa volta l'occhio della Sfiga cade su Therese e le sue arti divinatori "L'amore uccide, come i giochi d'azzardo: la certezza che non potremo mai rifarci." Un epilogo che suona circolare, come un ritorno alle origini, una nuova battuta che faccia ricominciare il ciclo per l'ennesima volta, all'infinito: e tutto questo, senza mai stancare, mai. Una conclusione gradevole per una serie che ormai ha ben poco da dire ma può riposare sugli allori e permettersi di ripetere sempre le stesse situazioni. Questa volta l'occhio della Sfiga cade su Therese e le sue arti divinatorie, che si ritrova a dover fare i conti con un potere molto più forte di quello di stelle e pianeti. Ripetizione di un copione sfigato già scritto e già letto (quello di Clara, per dire), con un intreccio dal sapore noir che ricorda tanto le atmosfere grottesche del primo episodio, Il paradiso degli orchi. Per me è stato un bel ritorno all'origine, un ritorno a casa: ne conosci ogni angolo, ma è sempre lì ad accoglierti.

  12. 5 out of 5

    Baldurian

    Indubbiamente il romanzo più debole del ciclo di Malaussène: non ho gradito lo stravolgimento repentino di un personaggio come Thérèse e, onestamente, il fatto che tutte le donne della Tribù siano bene o male ninfomani è diventato irritante. La scrittura è comunque a livello Pennac, quindi sotto le tre stelle non si può proprio scendere.

  13. 4 out of 5

    Armelle Pin

    This review has been hidden because it contains spoilers. To view it, click here. Marrant, frais, un peu barge. Plaisant.

  14. 4 out of 5

    Egolaxista

    Pennac entrega otro capítulo de la saga Malàussene con una especie de folletín. Es otro ejercicio literario maravilloso, lleno de ironía, sorpresa y un manejo del absurdo que en otro autor se podría ver casi estúpido. Es impresionante la forma en que, después de cinco libros, los personajes y los lugares sean tan consistentes y verosímiles dentro del universo rocambolesco que propone el autor. Y aún queda espacio para que sorprendan al lector. Es una lectura mucho más sencilla que la de los otro Pennac entrega otro capítulo de la saga Malàussene con una especie de folletín. Es otro ejercicio literario maravilloso, lleno de ironía, sorpresa y un manejo del absurdo que en otro autor se podría ver casi estúpido. Es impresionante la forma en que, después de cinco libros, los personajes y los lugares sean tan consistentes y verosímiles dentro del universo rocambolesco que propone el autor. Y aún queda espacio para que sorprendan al lector. Es una lectura mucho más sencilla que la de los otros textos de la saga, con frases memorables e imágenes preciosas. La imagen de Juluis, el perro, con sesgo político, es una genialidad.

  15. 5 out of 5

    Svalbard

    Un'inutile appendice alla peraltro geniale tetralogia di Malaussène. Edit: ho riletto il libro a distanza di anni e l'ho molto rivalutato. Sarà che all'epoca, avendolo letto subito dopo "Signor Malaussène", mi era sembrato non reggere il confronto con quello. In realtà a distanza di tempo non l'ho trovato poi così fuori standard rispetto a quelli che lo hanno preceduto, anzi decisamente di buona qualità (forse anche maggiormente coinciso rispetto a quello, che al contrario sulla distanza mi è sem Un'inutile appendice alla peraltro geniale tetralogia di Malaussène. Edit: ho riletto il libro a distanza di anni e l'ho molto rivalutato. Sarà che all'epoca, avendolo letto subito dopo "Signor Malaussène", mi era sembrato non reggere il confronto con quello. In realtà a distanza di tempo non l'ho trovato poi così fuori standard rispetto a quelli che lo hanno preceduto, anzi decisamente di buona qualità (forse anche maggiormente coinciso rispetto a quello, che al contrario sulla distanza mi è sembrato piuttosto ridondante).

  16. 5 out of 5

    Lorenzo D'Arcaria

    Dopo quasi 4 anni dalla lettura di “Ultime notizie dalla famiglia”, dopo più 7 anni dal primo incontro con “Il paradiso degli orchi”… devo ancora ammettere che lo stile di Pennac mi strega, le sue storie mi divertono e i suoi personaggi mi fanno compagnia come raramente succede. Questo penultimo capitolo della saga non brilla, rispetto agli altri, di originalità e non ha una trama chissà quanto brillante. Il solo ritrovare, però, le consuetudini della famiglia Malaussène, le loro esilaranti imper Dopo quasi 4 anni dalla lettura di “Ultime notizie dalla famiglia”, dopo più 7 anni dal primo incontro con “Il paradiso degli orchi”… devo ancora ammettere che lo stile di Pennac mi strega, le sue storie mi divertono e i suoi personaggi mi fanno compagnia come raramente succede. Questo penultimo capitolo della saga non brilla, rispetto agli altri, di originalità e non ha una trama chissà quanto brillante. Il solo ritrovare, però, le consuetudini della famiglia Malaussène, le loro esilaranti imperfezioni e interazioni disfunzionali ma adorabili… già solo questo mi fa urlare alle 4 stelle.

  17. 4 out of 5

    Utti

    Eccoci finalmente al dunque, ho finito di rileggere tutta la saga Malaussene e sono pronta per il nuovo capitolo, fresca di ripasso. La storia è bella, meno contorta dei primi capitoli della saga ma sempre splendida. Protagonista una delle sorelle che negli altri libri riusciamo a conoscere meno. I personaggi che amiamo ci sono tutti Mo il Mossi, Simon il Cabila, Theo e tutta la tribu. Titus e Silistri continuano a indagare, manca invece il commissario Rabdomant che abbiamo imparato ad apprezzare Eccoci finalmente al dunque, ho finito di rileggere tutta la saga Malaussene e sono pronta per il nuovo capitolo, fresca di ripasso. La storia è bella, meno contorta dei primi capitoli della saga ma sempre splendida. Protagonista una delle sorelle che negli altri libri riusciamo a conoscere meno. I personaggi che amiamo ci sono tutti Mo il Mossi, Simon il Cabila, Theo e tutta la tribu. Titus e Silistri continuano a indagare, manca invece il commissario Rabdomant che abbiamo imparato ad apprezzare. Una lettura frizzante e veloce. Ah, che mondo meraviglioso che hai creato Daniel.

  18. 4 out of 5

    Theut

    Ultimo capitolo (fino a pochi mesi fa) della saga Malaussèniana. Storia meno complicata e in cui Benjamin non fa il capro, ma la "buona sorte" rimane in famiglia. Un romanzo meno rocambolesco e più sulla famiglia, dove la tribù tutta insieme è la vera protagonista. Ma rimane l'interrogativo: Thérèse cosa farà senza i suoi poteri? E come crescerà la tribù? Ultimo capitolo (fino a pochi mesi fa) della saga Malaussèniana. Storia meno complicata e in cui Benjamin non fa il capro, ma la "buona sorte" rimane in famiglia. Un romanzo meno rocambolesco e più sulla famiglia, dove la tribù tutta insieme è la vera protagonista. Ma rimane l'interrogativo: Thérèse cosa farà senza i suoi poteri? E come crescerà la tribù?

  19. 4 out of 5

    Serena

    L'ultimo che mi mancava di questo grandioso ciclo di Pennac. E stato bellissimo ritornare a Parigi da questa magnifica e strampalata famiglia. Ora mi attrezzo perché beccare l'ultimo uscito dal mio amato Pennac perché vogliono proprio sapere la fine di questo ciclo, ma so che piangeró mi mancheranno mi mancheranno tutti. L'ultimo che mi mancava di questo grandioso ciclo di Pennac. E stato bellissimo ritornare a Parigi da questa magnifica e strampalata famiglia. Ora mi attrezzo perché beccare l'ultimo uscito dal mio amato Pennac perché vogliono proprio sapere la fine di questo ciclo, ma so che piangeró mi mancheranno mi mancheranno tutti.

  20. 5 out of 5

    Marthe Vorobiov

    Difficile de se faire un avis quand on n’a ps lu toute la série. Ça se lit bien, et l’histoire est sympa, mais sans plus. Ça m’a quand-mémé donner envie de me replonger dans les premières aventures de la tribu Malaussène.

  21. 5 out of 5

    Angie Reisetter

    For some reason I just love this series and the mad mad crowd of characters. It's so delightful, especially since my recent reading has involved a lot of war literature and suffering in general. A couple hours with the Malaussene tribe is just good entertainment. For some reason I just love this series and the mad mad crowd of characters. It's so delightful, especially since my recent reading has involved a lot of war literature and suffering in general. A couple hours with the Malaussene tribe is just good entertainment.

  22. 5 out of 5

    Christiane

    C’est le tome #6 de la Saga Malaussène et cette fois le personnage principal c’est Thérèse, la soeur aînée de la tribu. L’histoire est un peu moins rocambolesque que les autres, plus intime et assez sympathique.

  23. 4 out of 5

    Illia

    Я може чогось не розумію в жанрі "чорного детектива", але це якесь гімно неймовірне. Родина дебілів потрапляє в дебільну ситуацію через те, що вони дебіли, але завдяки тому, що навкруги усі теж дебіли усе закінчується гарно. Я може чогось не розумію в жанрі "чорного детектива", але це якесь гімно неймовірне. Родина дебілів потрапляє в дебільну ситуацію через те, що вони дебіли, але завдяки тому, що навкруги усі теж дебіли усе закінчується гарно.

  24. 5 out of 5

    Silvia

    Non so mai cosa dire su Pennac. I suoi libri mi piacciono (nel senso che mentre li leggo mi diverto), ma ho sempre la sensazione che lui sappia qualcosa che io non so e che rida di me. Non penso di averlo capito al 100%, e sfortunatamente non mi ha appassionato così tanto da volermi informare.

  25. 4 out of 5

    Charlotte Marillet

    Encore de bonnes rigolades, des idées tordues et de super clichés! J'aime beaucoup! Ça détend! Encore de bonnes rigolades, des idées tordues et de super clichés! J'aime beaucoup! Ça détend!

  26. 5 out of 5

    Jacq

    Il genio di Pennac non riesce a rendere "imperdibile" l'ennesima puntata della saga dei Malaussène. Il genio di Pennac non riesce a rendere "imperdibile" l'ennesima puntata della saga dei Malaussène.

  27. 5 out of 5

    Daniel Vinklar

    Funny, entertaining! Always reminds me of the time I used to live in Paris, too...

  28. 5 out of 5

    Rossella Delpiano

    Letto in 2 giorni. Semplicemente geniale. Finale decisamente inaspettato, vi farà fare una grassa risata.

  29. 4 out of 5

    Susan

    I recommend that Pennac's Malaussene Saga books be read in order, if possible. I believe that this book is the last English-translated one in this series. I recommend that Pennac's Malaussene Saga books be read in order, if possible. I believe that this book is the last English-translated one in this series.

  30. 4 out of 5

    Elisala

    Contrairement aux deux précédents de la série, je reproche à celui-ci d'être... trop court! Vite lu, vite torché, sans grand intérêt, avec une intrigue et un dénouement un peu trop tordus à mon goût. Contrairement aux deux précédents de la série, je reproche à celui-ci d'être... trop court! Vite lu, vite torché, sans grand intérêt, avec une intrigue et un dénouement un peu trop tordus à mon goût.

Add a review

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading...
We use cookies to give you the best online experience. By using our website you agree to our use of cookies in accordance with our cookie policy.